TravelBike - FRANCO LAMBERTINI SARA' CONSULENTE ANCHE DELLA MOTO MORINI "MADE IN CINA"

TravelBike

Versione completa: FRANCO LAMBERTINI SARA' CONSULENTE ANCHE DELLA MOTO MORINI "MADE IN CINA"
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
direttamente dalla newsletter Yesterbike, una buna cosa, magari ritornerà il 3 e mezzo.... 

IL MITICO INGEGNER FRANCO LAMBERTINI SARA' CONSULENTE ANCHE DELLA MOTO MORINI "MADE IN CINA"

"Sì, è vero: ho avuto un colloquio con i dirigenti cinesi del gruppo Zhongneng Vehicle, gli acquirenti e nuovi proprietari della Moto Morini da cui sono stato contattato in vista di una futura collaborazione".  Lo afferma l'ingegner Franco Lambertini, 75 anni, storico progettista di tutti i motori Morini che aggiunge: "Mi hanno convocato per parlarmi, ma è stato un colloquio informale, durato circa un'ora e mezzo. Mi è stato chiesto se ero disponibile a collaborare con loro, di lavorare insieme. Io ho confermato la mia disponibilità, sono qui - ho detto - quando volete ne riparliamo. Cosa mi hanno chiesto? E' stato un pour parler interlocutorio. Vorrebbero far qualcosa sul bicilindrico della Milano, (foto in basso) ci stanno pensando. ma non hanno ancora le idee chiare. Il motore 1200 rimarrebbe così, ma su quella base vorrebbero realizzare un propulsore di cilindrata più ridotta. Io ho fatto alcune proposte, ma se ne riparlerà più avanti, sicuramente non prima di febbraio. Diciamo che per il momento ci siamo conosciuti e presentati, è stato un colloquio molto estemporaneo che dovrà essere approfondito non appena avranno le idee più chiare e definiranno i programmi. Certo, pensano al nostro mercato, ma soprattutto al loro che ha numeri assai più importanti del nostro. Ad ogni modo confermo che l'acquisto dei cinesi ritengo sia molto positivo, perché così la Moto Morini avrà un roseo futuro, un futuro che non avrebbe mai potuto avere con la vecchia proprietà. Non ho ancora capito esattamente cosa vogliono fare, non lo sanno neanche loro, stanno pensando e decidendo. Resta il fatto che sono interessati al loro mercato che ha ben altri volumi e potenzialità rispetto a quello italiano ed europeo. Motori di piccola cilindrata? A me non ne hanno parlato, ma è anche possibile che si siano rivolti ad altri tecnici, oppure che decidano di progettarli direttamente in Cina, però non ne so nulla perché a me hanno parlato solo del motore 1200 e della eventuale possibilità di ridurne la cilindrata". 


fonte Yestebike
http://www.yesterbike.it/2018
un 3 e mezzo non è escluso, visto il proliferare di piccole moto vintage, magari a quel punto sarebbe un 2 in linea sui 350-400cc.

comunque è presto per sapere come si muoveranno ancora, magari a eicma 2019 presenteranno le prime moto della nuova gestione, di certo non avranno acquistato il marchio per tenerlo sotto naftalina, venderà di più, però ovviamente il contro sarà di avere una moto meno italiana di prima. un film già visto insomma.
si, speriamo lo usino, i cinesi....se consultano Lambertini l'approccio è ancor più 'rispettoso del valore italico' di quello che ha avuto benelli cina

(22-12-2018, 03:04 PM)TODD Ha scritto: [ -> ]un 3 e mezzo non è escluso, visto il proliferare di piccole moto vintage, magari a quel punto sarebbe un 2 in linea sui 350-400cc.


Blasfemoooo!!! 41

Con te non ci si può parlare 59 Tongue

Era ovvio il riferimento al mitico motore a V! Biker