TravelBike

Versione completa: Affidabilità: Le Case Europee
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2
Qui si è parlato della leggendaria affidabilità delle Case del Sol Levante! Stavolta però togliamo queste da gioco e rivolgiamo il nostro sguardo al solo Vecchio Continente. In questa discusione prenderemo in esame l'affidabilità dei costruttori Europei:

- BMW è davvero così avanti rispetto agli altri o ha un'assistenza eccellente?

- Triumph e Aprilia hanno risolto i loro problemi di elettronica?

- Ducati è ancora così fragile come si diceva una volta?

- E tutte le altre come sono messe?
dopo 25 anni di Paneuropean non credo di poter esprime un parere in merito ai quesiti. Basandomi su quanto saputo da amici penso di poter comunque affermare che BMW NON è affatto avanti anzi, specie nella componentistica, decisamente in fase di peggioramento qualità; belle moto ma troppa produzione "emergente" (ciò nonostante il K6 ... quanto mi tenta ...). Ducati fragile non direi, e Guzzi sugli ultimi modelli, decisamente migliorata. Però ripeto, pur se di prima mano, non sono esperienze personali. Bye Bye
Ho visto Ducati (anche datate) tipo 900 superlight con oltre 100.000 km all'attivo, personalmente ho avuto per 7 anni una Supersport del 95 e l'unico problema è stata una bobina dell'accensione. Ovviamente se si pretende di prendere una Panigale, farci tutte le domeniche 200 km con il motore sempre a limitatore prima o poi si spacca, magari in quel caso andrebbero dimezzati tempi e percorrenze di manutenzione. Aprilia come Guzzi secondo me sono ottimi prodotti ho amici contentissimi, unico vero problema gli impianti elettrici, ma una volta risolti i difetti cronici macinano 200.000 km come ridere.

Su BMW non mi esprimo, so solo che ho amici che per disperazione le hanno vendute (dopo averci speso un'altra moto).


Inviato dall'iperspazio con Tapatalk
io posso dire che toccando una miniera di ferro in 80mila km di problemi grossi non ne ho avuti, e di fatto ho avuto la disponibilità della moto per 365 giorni all'anno, tolti quelli fisiologici -tagliandi gomme- e giusto un paio di cose risolte in poco tempo.

però la mia è una Guzzi con motore a 2 valvole per cilindro, l'ultima della serie, e a detta anche di chi le vende e ripara, i problemi sono arrivati con il 4v per cilindro, e li hanno iniziato a dare problemi su problemi le Stelvio, le Griso e le altre. non ho idea di come vada il 1400 della California, ma dubito che si sia un numero sufficiente di persone a chilometraggi alti per avere un dato attendibile.

di Ducati io non credo sia più fragile delle altre, però mi spaventerebbe il costo dei tagliandi, a sentirsi dire 700-800 euro per quello con le cinghie non ci si mette molto, e la cosa mi tiene alla larga ad esempio dal prendere una Multistrada 1200 usata di qualche anno, che figuratevi se non mi piacerebbe!!

Bmw ha fatto uscire molti dei modelli più recenti con problemi anche grossi, però la loro forza per me è quella di venire sempre incontro al cliente, e oggi forse hanno capito che per tanta gente il sinonimo di "affidabile" non è più il "si rompe poco" quanto il "te lo riparano bene", o almeno è una mia idea, non pretendo di avere ragione.

e l'austriaca Ktm come se la cava? abbiamo diversi proprietari qua dentro, loro cosa ci dicono del marchio?
(06-05-2016, 07:03 PM)TODD Ha scritto: [ -> ]Bmw ha fatto uscire molti dei modelli più recenti con problemi anche grossi, però la loro forza per me è quella di venire sempre incontro al cliente, e oggi forse hanno capito che per tanta gente il sinonimo di "affidabile" non è più il "si rompe poco" quanto il "te lo riparano bene", o almeno è una mia idea, non pretendo di avere ragione.
Non voglio parlar male di BMW, dato che non le conosco personalmente, ma prendo spunto dal concetto espresso da Todd per fare un discorso in generale. Almeno secondo il mio concetto di "moto affidabile".
La moto affidabile è quella che di solito si dice: "Basta mettere benzina", quindi una moto sulla quale potrai sempre contare.
Il concetto di affidabilità invece espresso con frase: "Te lo riparano bene" vuol anche dire che la moto si è rotta.
Ok la rete di assistenza sarà valida e celere, ma intanto si è rotta, rovinandoti il giro o le vacanze, per non dire che magari ci hai pure rischiato la pelle sopra.
(06-05-2016, 08:22 PM)Skinner Ha scritto: [ -> ]La moto affidabile è quella che di solito si dice: "Basta mettere benzina", quindi una moto sulla quale potrai sempre contare.
Il concetto di affidabilità invece espresso con frase: "Te lo riparano bene" vuol anche dire che la moto si è rotta.

skinner, io la vedo come te, anche per me l'approccio migliore è quello alla giapponese, ovvero la moto si deve rompere il meno possibile e te devi fare benzina e manutenzione ordinaria e basta.

però da come vedo in giro che vanno le cose, per molti (parlo in generale, bmw o altri che siano) è più importante sentirsi tutelato quando succede il danno, e la gente si fa una ragione del fatto che le cose so rompono anche da nuove e anche senza motivo, ma se la casa provvede bene e in fretta è sintomo di serietà, e non dico che uno ne esce più contento di prima ma poco ci manca.    ripeto, è una mia percezione, non pretendo certo di aver ragione per forza.

a me poi piacerebbe molto sapere come vanno le ultimissime Triumph, ma purtroppo è un marchio che non ho a portata, e anche in fase di eventuale futuro acquisto dovrò tenerne conto.
Addirittura si parla di problemi grossi per BMW? Questa non la sapevo...

Invece già conoscevo i problemi elettrici di Aprilia e Guzzi, certo la scarsa rete non aiuta....
(07-05-2016, 10:08 AM)Goldrake Ha scritto: [ -> ]Addirittura si parla di problemi grossi per BMW? Questa non la sapevo...

la storia dell'ammortizzatore della RT nel 2014 non fu certo una bella cosa, ma anche i blocchetti-vampiro della K1600Gt fecero rientrare diversa gente a casa con il carro attrezzi.   però loro hanno la potenza anche economica per fare fronte ai problemi, altri non so.
La mia ex moto guzzi stelvio ntx 8v ha visto di tutto e in 70.000 km non mi ha mai lasciato col deretano per terra. Ricordo solo un black out elettrico dovuto ad un faretto in corto e i paraoli della forcella sostituiti quasi subito. Il resto solo normale manutenzione
per quel che vale la mia esperienza, Honda e Kawa soprattutto Kawa affidabilità al top, Guzzi è un amore gli si perdona molto, a casa mi ha sempre riportato, assistenza post vendita, lasciamo perdere, BMW, mai avuta, solo per sentito dire e letto assistenza da favola, costosa ma funziona.
Aprilia, Ducati ecc non sono in grado di giudicare.
Pagine: 1 2